professione traderQuesto articolo è dedicato a coloro che desiderano sapere cosa significhi essere un trader di professione, cioè una persona che attraverso operazioni speculative condotte sui mercati finanziari è in grado di generare un reddito.

 

Una Premessa Importante

L’attività di trading NON è un gioco.

Il trading non è quella “terra” dove tutti hanno la possibilità di comprare e vendere titoli con qualche click del mouse sperando di diventare ricchi sfondati nel giro di due settimane.

Al contrario il trading è una più che seria attività imprenditoriale e per poter essere adeguatamente condotta (e quindi per guadagnare) è necessario dapprima essere muniti di alcuni strumenti, senza i quali difficilmente si potrà sperare di ottenere il successo.

 

Le Risorse Indispensabili del Trader di Professione

Di seguito elenchiamo un serie di punti che costituiscono le basi da cui dover obbligatoriamente passare per poter fare del trading la propria professione. Vediamoli:

  • conoscenza dei mercati e dell’analisi tecnica
  • sviluppo di strategie consolidate
  • adeguato controllo del rischio e del denaro
  • sviluppo di una mentalità adeguata all’operatività sui mercati finanziari
  • capitalizzazione sufficientemente elevata tale da consentire la copertura dei margini richiesti dall’intermediario o dal broker
  • proattività e costanza nell’applicazione di un metodo
  • aspettative allineate con l’ambiente del trading e dei mercati finanziari

Vediamo adesso nel dettaglio ogni singolo punto.

 

Conoscenza dei mercati e dell’analisi tecnica

La comprensione della struttura dei mercati in cui si decide di fare trading è senza dubbio il primo passo da compiere per poter diventare un trader di professione.

Questo vuol dire acquisire adeguate conoscenze di analisi tecnica e fondamentale che sottendono alla dinamica con cui i prezzi di qualsivoglia strumento si muovono.

Infatti, per poter condurre efficacemente l’attività di trading è indispensabile riuscire a dare un ordine alla struttura di fondo del mercato, che di per sé altrimenti non sarebbe altro che una instabile accozzaglia di prezzi battuti via via dal mercato.

In genere il primo passo per diventare traders di professione è quello di formarsi seguendo le linee guida di analisi tecnica dei mercati finanziari, anche se la conoscenza di alcuni dati aziendali o macroeconomici, sebbene non siano indispensabili per un analista tecnico, aiuterebbero nel comprendere meglio alcune dinamiche di mercato o per capire lo stato di salute delle aziende prima di acquistarne i titoli, soprattutto nel caso si decidesse di tenerli in portafoglio per periodi prolungati.

 

Sviluppo di strategie consolidate

Nel trading la strategia è tutto!

Qualsiasi strategia di trading per poter funzionare e quindi consentire di guadagnare deve essere dotata di aspettativa matematica positiva (cioè a favore del trader).

Esempio:

immaginiamo di individuare attraverso un’analisi statistica una strategia che su un campione sufficientemente grande di trades (almeno 200) produca risultati di questo tipo:

  • percentuale profittevole: 62%
  • rapporto tra vincita media su perdita media: 1.12

il fattore di profitto associato a questo sistema è di 1.827 ed essendo quindi maggiore di uno potremo certamente dire che questo sistema di trading in questo intervallo di tempo ha prodotto utili.

L’aspettativa matematica di guadagno di un sistema di questo tipo è maggiore di zero e quindi alla fine potremo contare su un guadagno.

Chi decidesse di fare il trader di professione tra le prime cose da apprendere ed anche tra le più importanti vi è senza dubbio l’impiego di strategie di trading stabili.

Al contrario, utilizzare strategie inefficienti nel trading porta generalmente a perdite.

 

Adeguato controllo del rischio e del denaro

Un trader di professione, che volesse mettere da parte adeguati capitali, non conterà mai soltanto sullo sviluppo di una strategia efficace poiché la strategia, sebbene rappresenti un elemento determinante per ottenere profitti, deve essere supportata da una gestione metodica del denaro e del rischio.

 

Perché è così importante controllare il rischio?

Perché il controllo adeguato del rischio concorre a determinare in maniera significativa le performance del nostro sistema di trading, tra cui principalmente:

  • fattore di profitto
  • massimo drawdown

A volte basta apportare piccole migliorie in termini di controllo del rischio per ribaltare completamente i risultati di trading da perdenti a vincenti.

Un buon controllo del rischio ha quindi a che fare con le seguenti questioni:

  • dove va inserito lo stop-loss iniziale?
  • come sposteremo lo stop ad operazione aperta?
  • dove e quanti contratti, azioni o lotti venderemo per realizzare i nostri profitti?

 

Il controllo del denaro risponde invece alla domanda “quanto rischieremo nella operazione successiva?”.

Ogni trader di professione conosce benissimo l’importanza del money management e lo utilizza per fare crescere il conto in maniera efficiente, rapida e proteggendo i profitti accumulati!

 

Sviluppo di una mentalità adeguata all’operatività sui mercati finanziari

Operare nei mercati finanziari NON è una fatto naturale e la ragione è che la natura dei mercati finanziari è completamente diversa rispetto a qualsiasi ambiente con cui l’essere umano è abituato a confrontarsi.

Facciamo un esempio:

se un’imprenditore sbaglia una decisione nella gestione delle sue attività e tale errore porta come conseguenze a delle perdite, generalmente si tenderà ad imparare dall’errore commesso al fine di non ripeterlo.

Bene, nei mercati finanziari tutto questo non accade e sbagliare una previsione sul futuro andamento del mercato è un fatto assolutamente possibile, anzi è ciò che spesso accade.

Il Trader di Professione sa benissimo che il successo nel trading non deriva dalla capacità di prevedere il futuro, ma dalla applicazione di un metodo che possa da un lato, attraverso opportune tecniche di trading, tagliare rapidamente le perdite e nello stesso tempo massimizzare i profitti.

 

Capitalizzazione sufficientemente elevata tale da consentire la copertura dei margini richiesti dall’intermediario o dal broker

Un errore fatale, spesso commesso dai traders dilettanti è quello di utilizzare impropriamente la leva finanziaria.

Vediamo come:

immaginiamo di voler fare trading sul Forex, in particolare nel cambio EUR/USD;

ipotizziamo che il nostro broker ci permetta di fare trading con una leva 1:100.

Questo significa che il requisito di margine per poter aprire e mantenere la posizione sarà SOLO dell’1% del valore dei lotti con cui stiamo facendo trading.

Immaginiamo di avere un conto di 10.000 Euro e di entrare in acquisto con 5 contratti standard.

Il valore totale dei lotti è dato da:

valore di un lotto * n° dei lotti = 100.000*5 = 500.000 Euro.

Quindi depositeremo a margine di garanzia l’1% di 500.000 cioè 5.000 Euro.

Immaginiamo di venire eseguiti e vediamo un po’ cosa succede:

il valore di un Pip in un contratto standard è 10 USD, ma detenendo 5 contratti ad ogni Pip il nostro conto oscillerà di 50 USD. Basteranno quindi circa soltanto 100 Pips per andare in condizioni di richiamo di margine (margin call) e sottocapitalizzare del 50% in un unica operazione. Una follia!

A tal proposito ti consiglio di leggere l’articolo: l’importanza del capitale iniziale nel trading.

Naturalmente questa è una operazione che chiunque guadagni seriamente con l’attività di trading non farà mai! Ripetiamo: un trader di professione non farà mai una cosa simile!

La leva finanziaria consente sovraesposizioni inutili e NON viene utilizzata dal trader di professione per il dimensionamento della posizione. Questo è un punto fondamentale!

Le uniche cose che contano ai fini del dimensionamento della posizione iniziale sono:

  • grandezza del conto
  • modalità di gestione del denaro
  • livello iniziale di stop

Oramai dovresti aver capito che chi fa del trading la propria professione sta alla larga anni luce dalle condizioni di richiamo di margine, anzi non rischierà mai troppo nelle singole operazioni.

Rischiare troppo infatti è un errore disastroso nel trading e porta a perdite, anche in una situazione in cui è presente aspettativa matematica positiva di vincita in un approccio a contratto singolo.

Se vuoi approfondire l’argomento ti consiglio di leggere l’articolo sull’optimal f.

 

Proattività e costanza nell’applicazione di un metodo

Nessuna strategia, nessuna tecnica di controllo del rischio e neanche la migliore modalità di gestione del denaro possono funzionare se alla base non vi è un adeguato spirito di iniziativa nella conduzione dell’attività di trading.

Infatti una applicazione incostante o imprecisa del metodo non porteranno mai i risultati migliori.

Perché?

Perché ci vuole tempo per far crescere i profitti.

Il trader di professione ha imparato ad accumulare passo-passo il denaro guadagnato con l’attività di trading ed egli sa perfettamente che i profitti derivano da un PROCESSO, non da un EVENTO singolo!

Chi è alla ricerca di eventi nel trading non imparerà mai ad accumulare un vero capitale.

 

Aspettative allineate con l’ambiente del trading e dei mercati finanziari

Un trader di professione ha imparato inoltre ad avere aspettative allineate con l’ambiente del mercato.

Vediamo come facendo alcuni esempi:

  • nessun tentativo di piegare al proprio volere il mercato ad operazione aperta
  • piena accettazione del rischio e delle perdite e loro limitazione attraverso l’uso sistematico e calibrato degli stop-loss
  • limitazione del rischio, dal momento che predire con certezza l’esito del trade è un evento impossibile
  • nessun tentativo di avere ragione sul futuro andamento del mercato
  • azione proattiva e dinamica secondo strategia nelle prese parziali di profitto al fine di non consentire mai che un trade inizialmente in guadagno si trasformi in un trade in perdita.

 

I comportamenti appena elencati rappresentano soltanto alcuni degli atteggiamenti che un trader di professione ha imparato a sviluppare e di conseguenza adotta durante il trading, ma senza dubbio costituiscono alcuni tra i tratti essenziali di una operatività vincente.

Se l’articolo ti è stato utile, lasciaci pure un commento e dì cosa ne pensi.

Umberto.
 


Ti è stato utile questo articolo?

Per qualsiasi dubbio o informazione desideri ottenere, SCRIVI pure nei commenti qui in basso. Sarò lieto di rispondere nel tempo più rapido possibile 🙂

Buon Trading!

Scarica l'ebook: I SEGRETI DI UN TRADING DI SUCCESSO

Ti spiegherò nel dettaglio quali sono i segreti che mi consentono di guadagnare con il Trading mese dopo mese!

Iscrivendoti alla newsletter di ishowtrading riceverai i contenuti Premium riservati in esclusiva per te.

Ci siamo quasi. Controlla la tua email e conferma la registrazione. Riceverai una email successiva contenente il link all'ebook.